Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni

Il tempo immaginato

Mostre

Achille Funi tra archeologia, storia e modernità. La mostra al Museo Archeologico Nazionale offre al visitatore una serie di confronti tra le opere del pittore ferrarese e i prestigiosi materiali etruschi e greci del museo
Immagine dell'evento
Nell’ambito del progetto Sintonie, nato dall’accordo triennale di partenariato tra la Direzione Regionale Musei dell’Emilia-Romagna, Assicoop Modena&Ferrara e Legacoop Estense, il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara dedica un’esposizione all’artista ferrarese Achille Funi.

La mostra, a cura di Emanuela Fiori e Tiziano Trocchi con la collaborazione di Luciano Rivi, pone in dialogo opere di Funi con una scelta di reperti archeologici, provenienti dalla città etrusca di Spina, della collezione del museo Archeologico. Il culto per l’Antico nelle sue molteplici espressioni letterarie e figurative è una costante nel percorso artistico del maestro e diviene un sottotema mai abbandonato.

Il progetto espositivo si focalizza sugli anni tra il 1933 e il 1937, periodo fondamentale per la città di Ferrara, prendendo spunto dalla concomitanza di due eventi: da un lato l’inaugurazione  del Regio Museo di Spina – ora Museo Archeologico Nazionale – avvenuta nell’ottobre 1935 nel restaurato Palazzo Costabili, dall’altro l’impresa decorativa condotta nel triennio 1934-1937 da Achille Funi nella Sala della Consulta in Palazzo Comunale.

Il rinnovarsi del mito di Ferrara, raffigurato nel ciclo parietale dell’“Arengo” senza dimenticare la lezione figurativa degli affreschi rinascimentali cittadini, acquista ancor più vigore con la legittimazione del mito degli Etruschi, sancito dall’ esposizione  permanente dello straordinario ‘tesoro’ provenienti dagli scavi di Spina. Successivamente Achille Funi dipinge nella parte alta del salone le allegorie dei Mesi , di cui l’esposizione presenta i cartoni preparatori.

Per la prima volta verranno esposti tutti e dodici i cartoni preparatori dei Mesi, recentemente acquisiti dalla Raccolta Assicoop Modena&Ferrara. Grazie a una serie di confronti tra le opere del pittore ferrarese e i prestigiosi materiali etruschi del Museo archeologico, il visitatore è chiamato a una riflessione sui tanti modi in cui è possibile immaginare il rapporto con il tempo e la storia, concepito da Achille Funi secondo modelli ciclici e rappresentato attraverso narrazioni in forma di mito, capaci di attualizzare i valori ideali del passato. La mostra sarà dunque per la città un’ulteriore importante occasione di approfondimento della figura di Achille Funi, affiancandosi idealmente all’esposizione promossa da Ferrara Arte a Palazzo Diamanti nello stesso periodo.

Dove

Museo Archeologico Nazionale - Via XX Settembre 122 - Ferrara

Quando

Fino al 17 marzo 2024

Orari

martedì-domenica 9.30-17.00. La biglietteria chiude alle 16,30. Chiuso lunedì.
Chiuso 25 dicembre e 1° gennaio.

Tariffe

Intero 6,00 euro. Ridotto 2,00 euro (dai 18 ai 25 anni)
Ingresso solo Giardino : 1,00 euro.

INGRESSO GRATUITO fino a 18 anni e per i possessori della card turistica MYFECARD

Gratuito

  • Fino a 18 anni

Contatti

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara - Via XX Settembre 124
telefax 0532 741270
Azioni sul documento
ultima modifica 15/12/2023 15:54
Ricerca eventi
Chiudi menu
Informazioni turistiche