Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni

Nel mondo di Fellini. Franco Pinna fotografo di set

Mostre

La mostra al Padiglione d'Arte Contemporanea dal 16 settembre presenta oltre 140 fra fotografie, manifesti, riviste, fotolibri, disegni e altri materiali d’epoca provenienti dall’Archivio Franco Pinna di Roma
Immagine dell'evento
All’Archivio Franco Pinna di Roma spetta, oltre che la direzione scientifica, anche il progetto espositivo pensato specificatamente per il PAC.
Dei set felliniani, Franco Pinna (1925-1978), fotografo fra i massimi italiani del secondo Novecento, è stato un testimone per immagini probabilmente senza pari. Cominciò a frequentare il regista durante la preparazione della Strada, seguendolo successivamente nelle riprese di Giulietta degli spiriti, Toby Dammit, A Director’s Notebook/Block-notes di un regista, Fellini Satyricon, I clowns, Roma, Amarcord, Il Casanova di Federico Fellini, quasi sempre nel ruolo di freelance. «Con Pinna», dichiarò Fellini nel 1988, «io ero sicuro che avrei avuto la documentazione più corretta e fedele di quanto stavo facendo, [...] testimone fedele e personale insieme di quello che è l’ambiente di un set, la realtà del cinema nel suo farsi». È per questo che, fra il 1964 e il 1977, sono state principalmente le sue fotografie ad anticipare e accompagnare l’uscita dei film di Fellini in riviste nazionali ed estere, in fotolibri di un certo successo (I clowns, 1970; Fellini’s Filme, 1976) e anche in trasmissioni televisive (Zoom su Fellini di Sergio Zavoli, 1965).

Il percorso principale della mostra segue un ordinamento per film, affiancando a esso una sezione specifica sul regista e una breve antologica sulla produzione di Pinna al di fuori dell’ambito felliniano. Fra i materiali esposti, alcuni dei quali notissimi (per esempio la serie con Fellini truccato da clown, 1970), altri poco conosciuti o inediti, anche alcune curiosità come le due regie fotografiche di Fellini, la prima affrontata per un numero speciale della rivista «Vogue» («Vogue Fellini», 1972), la seconda una Erotic Fantasy, richiesta contemporaneamente anche ad altri affermati registi, che venne pubblicata nel 1978 sull’edizione internazionale di «Playboy». Immancabili i disegni di Fellini, uno dei quali, piuttosto scurrile secondo il gusto più autentico dell’autore, dedicato a Pinna. L’esposizione comprende anche un audiovisivo con estratti d’epoca che mostrano il fotografo in azione al seguito del regista, oltre che fotoproiezioni speciali sul film Roma, in particolare sulla celebre “Scena 13” (il défilé di moda ecclesiastica).

Dove

Ferrara - Padiglione D'Arte Contemporanea - Palazzo Massari, C.so Porta Mare, 5

Quando

Dal 16 settembre al 7 novembre 2021

Orari

Dalle 10.00 alle 18.00. Chiuso lunedì

L'ingresso alla mostra è contingentato ed è consentito a 18 persone ogni 30 minuti.
La prenotazione è fortemente consigliata: PRENOTA ORA >>>

Tariffe

Intero € 5,00;
ridotto € 3,00 over 65 anni, studenti universitari, giovani dai 18 ai 29 anni titolari della Youngercard,  gruppi di almeno 15 persone, possessori del biglietto delle mostre di Palazzo dei Diamanti, categorie convenzionate, insegnanti di primo e secondo grado con tesserino).
Gratuito minori di 18 anni, gruppi scolastici, diversamente abili e loro accompagnatori, guide turistiche e giornalisti con tesserino, possessori MyFe card, visitatori nel giorno del loro compleanno, categorie convenzionate.



Contatti

Ufficio Informazioni e Prenotazioni Mostre e Musei C.so Ercole I d'Este, 21
Azioni sul documento
ultima modifica 09/09/2021 16:19
Ricerca eventi
Chiudi menu
Informazioni turistiche