Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni

Parco Archeologico del Baluardo dell'Amore

Dopo quattrocento anni Ferrara riporta alla luce il Baluardo dell'Amore. Il nuovo Parco archeologico, in corrispondenza dell'antica Porta d'Amore, offre un itinerario di visita che ricalca fedelmente i percorsi originariamente tracciati dagli Estensi
Parco Archeologico del Baluardo dell'Amore

Innestato lungo la cortina muraria fatta costruire dal duca Borso d'Este alla metà del XV secolo, l'odierno Baluardo dell'Amore dalla tipica forma ad "asso di picche" (con profondi fianchi rientranti) venne realizzato in realtà oltre un secolo dopo: fu Alfonso II d'Este, infatti a promuovere tra il 1578 e il 1585 un'ingente opera di potenziamento difensivo delle fortificazioni meridionali a ridosso del Po, grazie ai progetti di ingegneri e di tecnici militari quali Cornelio Bentivoglio, Marcantonio Pasi, Giulio Thiene e Giovanni Battista Aleotti. Dopo la demolizione della sovrastante scuola materna (costruita nel 1936), gli scavi archeologici e i restauri condotti dal 2007 ad oggi hanno portato ala luce un vero e proprio palinsesto di architettura  militare, a partire dai resti della quadrangolare porta quattrocentesca dalla forma turrita con limitrofo corpo di guardia (entrambi distrutti e ricoperti nel 1630), nonché dalle tracce del piccolo bastione triangolare realizzato nel 1557 su commissione di Ercole II d'Este a difesa dell'antica porta; sono inoltre stati scoperti un locale casamattato con volta a botte, antiche pavimentazioni, un piccolo oratorio e ulteriori luci nei fianchi del baluardo.
Sulla punta dello spigolo esterno si nota un gancio originariamente concepito per reggere uno scudo marmoreo con insegne araldiche: nel corso del XIX secolo venne utilizzato come porta lucerna, tra le tante posizionate lungo la cinta per le guardie daziarie attive fino al 1930.

L'accesso al Parco Archeologico è allestito su via Baluardi tramite un cancello in ferro interposto fra le due cortine di recinzione dell'area realizzate tramite una composizione di gabbie metalliche con il sistema del terreno rinforzato al fine di riconsegnare verso l'esterno la continuità del terrapieno verde delle mura. Il visitatore in entrata si trova di fronte una cortina muraria, costituita dai resti della cinta borsiana e della Porta dell'Amore (XV sec.) che, "estrusa/riallestita" verso l'alto, con l'uso di una struttura metallica, si innalza riproponendo le volumetrie originarie degli stessi manufatti. Sopra tale cortina, è stata installata la passerella di ricucitura del percorso mura, al centro della quale si trova il livello superiore della Porta dell'Amore; ripristinando così la continuità della promenade cittadina, che consente di osservare il Parco Archeologico dall'alto a 360° nonché di entrare, proprio come facevano gli Estensi, all'interno del livello superiore dell'antica torree. Il visitatore può addentrarsi nel Parco, passando sotto la Porta, grazie all'apertura ad arco "ricostruito" e, dopo aver osservato i ritrovati interni alla torre, fra i quali una rampa di scale in cotto che raggiungeva il livello superiore; può uscire per osservare i manufatti del XVI secolo. Si trova di fronte al rivellino a forma di freccia del 1557, restaurato e consolidato, all'interno del quale sono visitabili due piccoli ambienti con volte a botte, uno al centro adibito in origine a deposito armi, e l'altro, sull'asse nord-ovest, adibito a piccolo oratorio. Sulla muratura del piccolo baluardo sono ben visibili linee d'imposta, conci e chiavi di volte che rievocano il sistema di copertura della "galleria" interposta fra le mura di Borso ed il rivellino; sulle estremità opposte, a nord-ovest ed a sud-est, si aprono i varchi che permettono l'uscita al vallo sottomura, aperti, consolidati e restaurati durante i precedenti lavori.

Orari

La parte inferiore è accessibile da un cancello aperto di giorno (orari da definire).
Il passaggio sopraelevato è inserito nel percorso del terrapieno delle mura sempre aperto.

Tariffe

Accesso gratuito

Contatti

Ferrara - Accesso in corrispondenza dell'incrocio tra via Porta d'Amore e via dei Baluardi

Ufficio informazioni

Ufficio Informazione e Accoglienza Turistica di Ferrara

Ferrara
Castello Estense
ultima modifica 14/08/2020 12:10
Chiudi menu
Informazioni turistiche