Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sezioni

Radio, onde e bombe

Congressi, convegni, conferenze, seminari

Trasmettitori e ricevitori di guerra restaurati, per inviare i messaggi che salvarono Ferrara
Immagine dell'evento

Programma

Non tutti sanno che Ferrara rischiò il 24 aprile 1945 di essere rasa al suolo, e che a salvare la città dal bombardamento fu un tempestivo messaggio trasmesso agli alleati dal radioamatore Franco Moretti , che riparò un apparecchio paracadutato dagli americani, danneggiato nell’atterraggio. Per ricordare questo straordinario e poco conosciuto avvenimento , e rievocare l’emozione di comunicare attraverso gli stessi strumenti che si utilizzavano allora tutti i curiosi sono invitati a collegarsi sabato 24 aprile alle 10 alla diretta intitolata “Radio, onde e bombe” , visibile sul profilo Facebook e sul canale YouTube dell’associazione Ilturco.

L’appuntamento comprenderà - oltre al racconto dell’impresa condotta da Franco Moretti, insieme ai partigiani Renato Borellini e Leopoldo Giberti – due trasmissioni davvero eccezionali .
Con una macchina in tutto e per tutto identica all’originale Paraset , assemblata con materiali dell’epoca e il cui peso supera i trenta chili, dalla Casa della Patria di corso Giovecca si trasmetterà in Codice Morse il messaggio che l’arcivescovo Ruggero Bovelli mandò agli alleati per avvisarli che le truppe nazifasciste avevano abbondonato la città. L’informazione verrà recepita da un ricevitore militare BC312, all’epoca in dotazione all’esercito alleato, appena restaurato.

Dopo un breve excursus dedicato alle radio clandestine costruite dai prigionieri di guerra e al loro ruolo nella Liberazione del capoluogo estense, si trasmetterà su onde medie l’appello all’insurrezione lanciato dal futuro Presidente della Repubblica Sandro Pertini , allora membro del CLN, che verrà ricevuto da Radio Caterina – esattamente come successe nel 1945.
Completeranno il programma il saluto del Colonnello Ferdinando Marchesi e un ricordo dedicato al Colonnello Maffino Maffei, il primo militare italiano a cui fu concesso – per i servizi resi - il permesso e il privilegio di entrare nella Ferrara liberata, attraversando il ponte costruito sul Po di Volano dai genieri sudafricani.

L’iniziativa - parte del programma del Comitato comunale per le celebrazioni del 25 Aprile coordinato dall’Istituto di Storia Contemporanea – è organizzata dall’Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi di Guerra di Ferrara, dall’Associazione Nazionale Genieri e Trasmettitori di Bologna-Ferrara, l’Associazione Nazionale Carabinieri.

La diretta - curata da Ilturco - oltre che sul profilo Facebook e sul canale YouTube dell’associazione sarà trasmessa sulle pagine social del Comune di Ferrara e di ISCO.

Dove

Ferrara

Quando

Sabato 24 aprile 2021

Orari

ore 10.00

Azioni sul documento
ultima modifica 19/04/2021 15:22
Ricerca eventi
Chiudi menu
Informazioni turistiche