Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Sections
Unesco

Ferrara, città del Rinascimento,
e il suo Delta del Po

Arte e cultura

Acquedotto monumentale

Il Serbatoio monumentale dell’Acquedotto cittadino, costruito dal 1930 al 1932, arricchì il cosiddetto “Rione Giardino” di una struttura fuori dal comune e ben ideata dal punto di vista estetico e funzionale.

Biblioteca Ariostea

Biblioteca insieme di tradizione e di pubblica lettura, l'Ariostea possiede un patrimonio di circa 400.000 unità bibliografiche, parte collocato a scaffale aperto e parte conservato in magazzini sia locali che remoti.

Campanile del Duomo di Ferrara

Campeggia su Piazza Trento Trieste il campanile del Duomo.

Casa di Biagio Rossetti

La casa fu costruita a partire dal 1490 dall’architetto di corte Biagio Rossetti, grande urbanista, nonché ingegnere civile e militare, ricordato universalmente come l’autore ed artefice principale dell’Addizione Erculea, il famoso piano regolatore ante litteram voluto dal duca Ercole I d’Este.

Casa di Ludovico Ariosto

L’abitazione, realizzata probabilmente su disegno di Girolamo da Carpi, presenta una facciata semplice ma elegante in mattoni a vista.

Casa Romei

Magnifico esempio di residenza signorile fra Medioevo e Rinascimento, la casa presenta un cortile d'onore particolarmente suggestivo. L'architetto, probabilmente Pietrobono Brasavola, vi usò elementi tipicamente medievali accanto ad altri pienamente rinascimentali senza sforzo di fusione.

Castello Estense

E' il maestoso simbolo di Ferrara con le sue quattro torri circondate dal fossato, i rossi mattoni di cotto, le eleganti balaustre bianche, le prigioni e le sale per i giochi e il diletto di corte.

Cattedrale

La Cattedrale di Ferrara, costruita a partire dal XII sec., porta i segni di tutte le epoche storiche attraversate dalla città.

Centro Documentazione Mondo Agricolo

L'istituzione museale è stata costituita all'inizio degli anni '80 con l'intento di offrire una documentazione sul lavoro e la vita rurale dalla fine dell'800 alla prima metà del Novecento.

Certosa

Il monastero fu costruito fra il 1452 e il 1461 dal duca Borso, che con questo gesto voleva sottolineare la sua sempre ostentata religiosità. Come tutti i complessi certosini, fu costruito in un luogo allora appartato ed ebbe grandi dimensioni, che si possono ancora, in parte, ammirare.

Chiesa del Gesu'

Edificata per i Gesuiti nel 1570 su progetto dell’architetto Alberto Schiatti, la chiesa presenta una facciata semplice e austera in laterizio, divisa in due parti e con tre portali decorati in marmo.

Chiesa di San Domenico

Il complesso dei Domenicani fu costruito nelle sue forme attuali nel 1726, in luogo di una chiesa più antica, orientata in senso opposto all’attuale.

Chiesa di San Francesco

La chiesa si affaccia su un piazzale di notevoli dimensioni. Fondata dai Francescani fin dagli anni in cui il santo fondatore era in vita, la comunità ricevette favori e benefici da parte di molte famiglie influenti e ricche, ed in particolare dagli Estensi.

Chiesa di San Giorgio

Si tratta del tempio di origini più antiche di tutta la città. Già nel VII sec. d.C. svolgeva la funzione di cattedrale, che le sarebbe stata tolta solo nel XII sec.

Chiesa di San Paolo

La chiesa attuale, affacciata su una piazzetta ritagliata nel tessuto della città medievale, risale alla fine del '500 e sostituisce un edificio più antico, dedicato al Santo Apostolo, distrutto o comunque seriamente danneggiato dal terremoto del 1570.

Chiesa di Santa Maria in Vado

Di origini antichissime, questa chiesa sorgeva nei pressi di un guado (vado) che permetteva l'attraversamento di uno dei numerosi canali che intersecavano la zona.

Cimitero ebraico

Non lontano dal cimitero cristiano, immerso nel verde dell'Addizione Erculea, si trova l'antico Orto degli Ebrei, area acquistata dalla comunità ferrarese nel XVII secolo, luogo di suggestione e di silenzio, dove la natura, protagonista, abbraccia e quasi avviluppa le lastre tombali.

Complesso Boldini

Il complesso Boldini, progettato anch'esso da Carlo Savonuzzi, fu costruito a partire dal 1935 sulla parte più occidentale della Sala di degenza degli uomini.

Conservatorio Frescobaldi

La matrice razionalista caratterizza il Liceo Frescobaldi (ora Conservatorio) con annesso Auditorium, progettati dall’ing. Carlo Savonuzzi, per la costruzione dei quali tra il 1935 ed il 1939 fu demolita parte del corpo centrale dell’ospedale...

Corso Ercole I d'Este

Era anticamente denominato Via degli Angeli, dalla chiesa dedicata a S. Maria degli Angeli che si trovava lungo il suo corso. Costituisce uno dei due assi portanti dell'Addizione Erculea.

Corso Giovecca

L'attuale Corso della Giovecca percorre la linea che corrispondeva al fossato esterno delle fortificazioni medioevali, prima che venisse realizzata l'Addizione Erculea, cioè l'estensione della città di Ferrara verso nord che avvenne a partire dall'anno 1492.

Delizia Estense di Fossadalbero

Magnifico castello estense che ha mantenuto nella sua struttura lo straordinario splendore dell'epoca

Ex Caserma Pastrengo

Questo edificio, oggi sede di alcuni uffici dell’Amministrazione Provinciale, fu costruito dal 1925 al 1926 su progetto dell’ing. Virgilio Coltro per essere destinato a Caserma dei Carabinieri.

Ex Linificio Canapificio

Più conosciuto come "Ex Toselli". Occorre dire che tra il 1937 ed il 1943 si insediarono nella zona tra Ferrara e Pontelagoscuro una serie di fabbriche e stabilimenti.

Ferrara, città del Rinascimento e il suo Delta del Po

L’UNESCO, Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura, ha incluso nella Lista dei Siti Patrimonio dell’Umanità il territorio di Ferrara in due momenti distinti.

Ghetto ebraico e Sinagoghe

Il quartiere medievale di Ferrara conserva le memorie di una comunità ebraica tra le più antiche d’Italia e del ghetto in cui essa venne segregata dal 1627 all’Unità d’Italia. Via Mazzini era la strada principale dell'antico ghetto, dove un tempo si concentravano i negozi degli ebrei e i vecchi edifici che hanno mantenuto la loro struttura originaria.

Il Giardino delle Duchesse

Il Giardino del Duca detto "delle Duchesse" fu realizzato tra il 1473 ed il 1481 nell’ambito delle trasformazioni edilizie volute da Ercole I d’Este, che fecero assumere al palazzo Ducale (oggi palazzo Municipale) l’assetto planimetrico attuale.

Le mura

Le antiche mura di Ferrara circondano il centro storico per nove chilometri pressoché ininterrotti, costituendo uno dei sistemi difensivi più imponenti del Medioevo e del Rinascimento.

Monastero del Corpus Domini

Qui si conservano, assieme alle memorie di Santa Caterina Vegri, le tombe di alcuni Estensi.

Monastero di Sant'Antonio in Polesine

Fondato nel XIII secolo dalla Beata Beatrice d'Este, presenta cappelle con affreschi che vanno dalla scuola giottesca e bizantina e quella rinascimentale.

Strumenti personali
Area riservata